Controlli da effettuare

Prima di mettere in vendita un veicolo occorre accertarsi delle condizioni meccaniche ed elettriche. Un buon meccanico potrebbe svolgere questa operazione in uno o due giorni presentando, alla fine, la sua  legittima parcella. Ma nel caso in cui si sia abbastanza certi delle condizioni della propria vettura, è possibile operare un check  'self made'. Iniziamo nell'elencare cosa si deve andare a verificare:

Esaminare la carrozzeria per accertare la presenza di danni visibili e di eventuali segni di corrosione La carrozzeria è il primo parametro della valutazione, anche se non sempre è quello più importante. Sulla quotazione dell’auto incide anche il suo colore (i colori che riscuotono il maggiore successo sono il bianco, il grigio, il nero, l’argento, il blu). Fate attenzione allo stato della vernice, che deve essere brillante e non rivelare particolari segni di usura o di trascuratezza. Per scoprire se l’auto ha subito un incidente osservate con attenzione il cofano ed i parafanghi dell'auto, che devono presentare un colore uniforme. Eventuali differenze nella tonalità di colorazione, o nella brillantezza della tinta, possono rivelare riverniciature dovute probabilmente ad un incidente. Fate una particolare attenzione nel caso in cui l’auto sia dotata di vernice metallizzata, con la quale le tinteggiature successive sono più difficili, ma non impossibili, da riconoscere. Controllare lo stato dei cristalli e la funzionalità dei fari In particolare per quel che riguarda i cristalli accertatevi che non siano presenti graffi, rigature e bolle. Fate attenzione che non siano presenti infiltrazioni di umidità nei fari. Tenete presente che è normale che i contatti elettrici si ossidino col passare del tempo, ma la loro funzionalità originale può essere facilmente ripristinata con l’uso di speciali detergenti spray. Per quanto riguarda il lunotto posteriore accertatevi in particolare che le resistenze elettriche che servono a pulire il vetro ed a migliorare la visibilità siano funzionanti.
Testare la funzionalità delle serrature Verificate la facilità di apertura delle serrature e fate attenzione che non siano presenti segni di effrazione.
Attivare i tergicristalli per verificare che siano funzionanti e per controllarne la rumorosità In particolare controllate che sul cristallo anteriore non siano presenti striature anche lievi, che sono rivelatrici di un cattivo funzionamento dei tergicristalli.
Ponete una particolare attenzione alle condizioni degli pneumatici Il consumo delle gomme deve essere uniforme. Eventuali differenze nello stato di usura degli pneumatici possono indicare il cattivo funzionamento delle sospensioni, ammortizzatori scarichi o qualche problema allo sterzo. Se poi le gomme non sono in buone condizioni o sono presenti tagli o abrasioni c’è da mettere in conto anche la spesa per sostituirle. Controllate anche lo stato dei cerchioni e la ruota di scorta (accertatevi che non sia danneggiata o bucata).
Controllare lo stato di usura dei componenti interni (cruscotto, sedili e volante) Accertatevi che non siano presenti graffi o particolari segni di usura all’interno della vettura. Per quel che riguarda il volante una sua usura evidente dovrebbe insospettire nel caso in cui il chilometraggio dichiarato sia basso (ricordate che un’impugnatura liscia è rivelatrice di almeno 80-100mila chilometri). Controllate anche il funzionamento dello sterzo e dei meccanismi per la sua regolazione. Per quel che riguarda i sedili fate attenzione alla presenza di strappi o bruciature nei tessuti, ed anche al loro stato di usura. Controllare che i meccanismi di regolazione funzionino bene e senza strappi.
Verificate la funzionalità delle cinture di sicurezza e la corretta apertura delle portiere Fate particolare attenzione alla presenza di rumori sospetti durante l’apertura o la chiusura delle portiere ed alla presenza di eventuali segni di effrazione. Gli attacchi delle cinture di sicurezza devono funzionare perfettamente e quindi l’aggancio deve poter avvenire rapidamente e senza intoppi, così come il recupero della cintura.
Controllare il motore. Per controllare il motore la prima cosa di cui vi dovete accertare è il corretto funzionamento del comando di apertura del cofano. Il motore non deve presentare tracce di liquidi, macchie o incrostazioni. Eventuali perdite di liquido possono provenire dalla pompa dell’acqua, dal servosterzo o dal climatizzatore. E’ molto importante che verifichiate lo stato di integrità delle cinghie (sia quella dei servizi che quella di distribuzione). Per quanto riguarda la cinghia dei servizi (che serve per attivare alternatore, servosterzo, climatizzatore ed è posta in una posizione ben visibile nel cofano motore) accertatevi che sia tesa e che non presenti danni da usura. La cinghia di distribuzione, invece, è di solito racchiusa in un carter di protezione, e quindi il suo controllo è più problematico. Per questo è bene rivolgersi a personale specializzato che sa come eseguire questo controllo. In ogni caso chiedete al precedente utilizzatore se questa cinghia è stata sostituita e quando, oppure verificate questi dati dai tagliandi di manutenzione.
Pagina 1 - Pagina 2